Nba Finals 2011
03/06/2011
Gara 2

Dallas Mavericks @ Miami Heat
American Airlines Arena, Miami FL


Dallas Mavs
Vs.
Miami Heat
95
93
Gara due vede per la prima volta in cinque incontri di Finale uscire Dallas a testa alta dal campo di Miami (3 partite disputate nel 2006 e 2 nel 2011) anche se per i Texani si tratta di una vittoria sudata e tutt’altro che facile.

Dopo due quarti di assoluto equilibro (il primo chiuso 28-28 e all’intervallo si va sul 51-51) i giovani Heat  aprono la terza frazione di gioco con il piede sull’acceleratore:  la difesa tiene e gli schemi d’attacco si materializzano uno dietro l’altro mandando in visibilio il pubblico dell’American Airlines Arena che a -7.15 è tutto in piede a festeggiare il punteggio di  88-73, +15 Heat, che sembra significare un 2-0 scontato nella serie.
Nonostante si tratti di una situazione difficile Dallas, facendo ricorso all’esperienza di tutti i suoi giocatori, non lascia spazio alla disperazione e piuttosto stringe le maglie della difesa bloccando l’attacco di Miami (dove il pallone non circola più costringendo così Wade e James a prendersi tiri affrettati allo scadere dei 24 secondi). In fase offensiva l’uomo di punta non può che essere Dirk Nowtizki. Nonostante problemi al legamento della mani sinistra il Tedesco segna gli ultimi 9 punti, tra cui 2 canestri proprio con la mano “incriminata”, prima pareggiando 90-90 e poi sorpassando 93-90. Mario Chalmers  a 24 secondi dalla sirena  scarica la bomba  del 93-93, ma l’over-time non fa parte dei piani di Wunder Dirk il quale viene servito da Kidd quasi allo scadere dei 24” per insaccare il sorpasso 95-93. Gli dei del basket sono stati con Wade per tutto il match (36 punti, 6 assists, 5 rimbalzi, 13/20 dal campo), ma nel possesso finale gli voltano le spalle ed il tiro dell’ “Ave Maria” fallisce dando così la vittoria ai Mavs che adesso, con tre partite a Dallas, potrebbero vincere il primo titolo della loro storia nelle mura casalinghe.   

Il miglior giocatore in divisa Blu si conferma Dirk Nowitzki grazie a 24 punti, 10/22 dal campo, 11 rimbalzi, 4 assists ed 1 stoppata. Altra conferma come ottimo giocatore in uno stage di finale è Shanw Marion. L’ex-Suns, alla prima esperienza con le Finals, produce una solida partita dopo gara 1:  20 punti, 9/14 dal campo, 8 rimbalzi e 3 assists. Segni di ripresa si registrano pure da Jason Terry disastroso in gara uno (0 punti nel secondo tempo) ed invece capace di aiutare i Mavs nella rimonta dei 15 punti di deficit e chiudere con 16 punti, 5/11 dal campo, 5 assits e 2 recuperi.

In difesa abbiamo giocato molto bene, siamo riusciti a contenerli” afferma Nowitzki nell’intervista post-partita  e prosegue: “Applicando una pressione tutto campo abbiamo fermato il loro attacco. Abbiamo ancora concesso qualche rimbalzo di troppo in attacco, ma di sicuro siamo stati capaci di fermare la loro manovra offensiva  Non abbiamo mai mollato e siamo riusciti a recuperare un grosso svantaggio: siamo stati grandi.”  Shawn Marion, che dopo gara uno aveva chiesto più impegno da parte di tutti, è soddisfatto del trionfo: “Sarà una serie differente da gara uno. Noi abbiamo sempre creduto nelle nostre potenzialità e sapevamo che, a prescindere dal punteggio, ci saremo rialzati per pareggiare la serie. La partita finisce quando suona la sirena finale.”  Anche Jason “The Jet” Terry confidava nella vittoria: “Sapevamo che non ci saremo arresi perché volevamo portare la serie in parità. Alla fine ci siamo riusciti.

Degli altri due elementi del Big Three, oltre al già citato Wade, abbiamo un buon James (20 punti, 8 rimbalzi, 4 assists, 4 recuperi) ed un Bosh  molto al di sotto dei suoi standard (12 punti con 16 tiri).  L’unico altro giocatore in doppia cifra di Miami è Mike Bibby  (14 punti, 5/8 dal campo, 22 minuti).


M.V.P.: Dirk Nowitkzi (24 punti, 10/22 dal campo, 11 rimbalzi, 4 assists)


Tutti i loghi, marchi ed immagini riportati in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Quindi tutti i diritti sono riservati ai loro proprietari. Copyright © 2003-2016 www.joeiverson.com | Tutti gli articoli e le biografie sono di proprietà degli autori.
<