La biografia di



Wally Szczerbiak
Biografia aggiornata a fine stagione 2007/08

Prima di parlare di Wally e' opportuno citare Walter Szczerbiak suo padre... Nel 1971 disputo' una buona annata con i Condors della ABA e al termine della stagione ebbe due possibilita': una era quella di passare nell'Nba dove avrebbe avuto un anno di contratto con i Buffalo Braves (oggi Los Angeles Clippers) e l'altra era di andare a giocare per cinque anni con il Real Madrid. Dopo aver confrontato i suoi progetti con entrambe le oppurtinita' decise di firmare per la squadra spagnola....

Opto' per il Real perche' era gia' sposato e voleva avere dei figli. Quindi era molto piu vantaggioso contare su cinque anni di contratto che uno. Sicuramente non si penti' di essere arrivato in Spagna, oltre a diventare il primo realizzatore del campionato stabili il record, ancora inbattuto, di 65 punti in una partita ma non si fermo' qua' e vinse Campionato Spagnolo e Coppa Campioni diventando un "Michael Jordan" locale...

Proprio a Madrid il 05/04/1977 nacque Wally. Il piccolo Szczerbiak visse da sempre nel mondo del Basket e inevitabilmente se ne innamoro' iniziando a giocare e seguendo le orme del padre... Walter finita la carriera a Real si sposto' con tutta la famiglia in Italia per disputare le sue ultime stagioni con Udine. Chiusa la parentesi europea torno' a vivere negli States a New York.

Wally si iscrisse alla Cold Spring Harbor High School dove mise in atto tutta la sua esperienza ed allenamento maturati giocando in Spagna e Italia. Viaggio' a una media di 36.6 punti ma venne ignorato da tutti i grandi College. La causa e' quella comune a molti giocatori: militava in un campionato di basso livello e non si pensava fosse in grado di fare le stesse cose in una lega dove il livello tecnico e' molto piu alto. Quindi fu costretto ad andare a cercarsi una Universita' e dopo averne viste un paio opto per Miami (Ohio)...

Passo i primi due anni ad ambientarsi ma non ando' mai sotto gli 8 punti e i 3.3 rimbalzi di media. Con il passare degli anni i suoi minuti in campo aumentavano e arrivati al suo terzo anno salirono a 38.2, cosi', i punti da 12 passarono a 24.4 con l'aggiunta di 7.6 rimbalzi a serata. Venne chiamato anche a fare parte della nazionale Americana che disputava i Goodwill Games, 1998, dove vinse la medaglia d'oro e viaggiando sui 17.2 punti di media fu il miglior marcatore.

Fece meglio l'anno seguente quando viaggio' a una media di 24.2 punti, 2.9 assist e 8.5 rimbalzi. Porto' Miami ad un passo' dalla Final Four e venne nominato M.V.P. della Metro Atlantic Conference oltre ad essere inserito nel primo quintetto All American. Nel 1999 fu chiamato al Draft Nba come sesta scelta assoulta da parte dei Minnesota.

Nel suo primo anno ai Wolves ci furono alti e bassi... Alti perche' viaggio' ad una media di 11.6 punti, partecipo' al All Star Game dei Rookie e a fine anno venne inserito nel primo quintetto di Rookie. Bassi perche' uscirono fuori le sue grosse carenze in difesa. Fece anche a pugni con Kevin Garnett in un allenamento proprio perche' KG continuava a dirgli di difendere di piu'. Wally ha lavorato, e sta lavorando, duramente per completare tutti gli aspetti del suo gioco. Nel 00-01 e 01-02 non ha mai saltato una gara e la sua media punti e' andata sempre in crescendo passando rispettevimente a 14 e poi 18.7 punti.

Dopo 2 annate giocate a pieno ritmo ecco la prima stagione martellata dagli infortuni: nel 02-03 disputo' un totale di 52 partite su 82 per diversi problemi fisici. Il suo rendimento rimase costante (17.6 punti, 4.6 rimbalzi e 2.6 assists) mentre nei playoffs riusci' a recuperare giocando tutta la serie contro i Lakers dove chiuse a quota 14.5 punti, 5 rimbalzi e 2.2 assists.

Nell'estate 2003 arrivarono a Minnesota due "pezzi da 90": Sprewell e Cassell. Szczerbiak avrebbe dovuto giocare guardia oppure occupare il ruolo di sesto uomo (di lusso) per fare riposare sia l'ala piccola (Latrell). Sfortunatamente, a causa di un infortunio al piede sinistro (fascite plantare), non ando' come previsto perche' fu nuovamente costretto a fermarsi per un lungo periodo (disputo' 28 partite su 82). Complessivamente concluse l'annata con delle cifre davvero basse: 10.2 punti, 3.1 rimbalzi e 1.2 assists a partita.

Tornato al 100% della forma nel 2004/05 riusci' a disputare 81 partite (37 volte titolare) con 31.6 minuti di utilizzo risollevando tutto le sue statistiche: 15.5 punti, 3.7 rimbalzi e 2.4 assists. Purtroppo pero’, come riflesso della brutta stagione dei Wolves, durante il corso dell’anno senti' piu' volte inserire il proprio nome in un'eventuale trade (si parlo' soprattutto di uno scambio con i Knicks per Kurt Thomas) anche se alla fine non si' concretizzo' nulla... Anche nell'estate 2005 il suo cognome fu al centro di diversi movimenti di "fanta-mercato" che pero', come gia' avvenuto in precedenza, non si trasformarono in realta'.

Nonostante i 19 punti, suo career-high di sempre (almeno sino a questo momento della sua storia), i Wolves trascorsero un'altra stagione nei bassi fondi della North-West Division e quindi, a meta' annata, la dirigenza di Minneosta mise a segno una trade con i Celtics. Il 26 Gennaio Szczerbiak, Olowokandi e Jones furono mandati a Boston in cambio di Ricky Davis, Marcus Banks, Mark Blount e Justin Reed. Wally anche in maglia biancoverde, al fianco di Paul Pierce, continuo' ad essere titolare ma i Celtics, privi di giocatori di peso da schierare nell'area colorata, non riuscirono a qualificarsi perl a post-season. Come anticipato concluse il 2005/06 con 19 punti, 4.3 rimbalzi e 3 assists a partita.

Sul 2006/07 di Wally con i Celtics non c’e’ molto da dire (15 punti, 3.1 rimbalzi, 1.7 assists) se non che nelle 32 partite disputate non fu mai al 100% quindi, a meta stagione circa, si fece operare per estirpare il dolore alla “radice”.  I tempi di recuperi (caviglia) gli costarono tutto il resto del campionato e non a caso Boston, dove si registrava anche l’assenza di Paul Pierce, fu una delle prime squadre ad essere eliminata dalla corsa ai playoffs 2007.

Vediamo come ha concluso il 2007/08:

Punti
Rimbalzi
Assists
11.5
2.9
1.4

Nei Playoffs 2008:

Punti
Rimbalzi
Assists
10.8
1.5
1.8

Nella notte del Draft Boston disponeva della terza chiamata assoluta ma i piani del GM di Boston erano una ristrutturazione partendo dai veterani e per questo motivo mando’ la scelta al draft, Szczerbiak e Delonte West ai Sonics in cambio di Ray Allen. Nella Citta’ della Pioggia Wally ha dimostrato di essere completamente guarito dall’infortunio anche se la sua presenza nel team, fatto  in buona parte da giovani, non era molto “azzeccata”. Con l’intenzione di puntare sulla crescita delle matricole (Green e Durant) i Sups, dopo 50 partite, lo inserirono nella trade a tre con Cavs e Bulls mandandolo a Cleveland come contropartita di Donyell Marshall. Alla corte di LBJ Coach Brown lo ha utilizzato come sesto uomo per le 25 sfide di stagione regolare rimanenti e poi nei playoffs gli ha dato i “gradi” di titolare. Il ruolo di Wally ai Cavs e’ quello di piazzarsi sul perimetro dove attendere gli scarichi di LBJ per punire con il suo tiro dalla lunga distanza. Cleveland e’ stata elminata 4-3 proprio per mano dei Celtics ma il contributo di Szczerbiak e’ sempre rimasto costante. Il prossimo anno, 08/09, sara’ l’ultimo previsto dal  suo attuale contratto e quindi non si esclude in estate possa essere inserito all’interno di qualche trade.

Per scoprire la galleria fotografica di Wally cliccate sul link sottostante. Buona visione!  


Nba Stars: Wally Szczerbiak